E invece no

Avrei voluto essere una palla di neve candida e appallottolata dalla piccola mano di un bimbo, racchiusa in spessi guanti ma di cui sentirei ancora un lontano calore.

O almeno il vento gelido che fa raddrizzare la schiena e stringere i pugni, da chiudere gli occhi per non farli seccare e tirare in dentro le labbra per non rischiare di sentire troppo.

E invece no.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...