Pioggia primaverile

L’odore inconfondibile che fa inspirare forte.
I cerchi lasciati sull’asfalto che diventa a pois.
L’aria fresca che stempera tutti (tutti?) i pensieri.
I vetri su cui le gocce scivolano via, piano.
La voglia di starci sotto e sentirla ticchettare.
Il pensiero che ci si può mischiare e confondere.
La convinzione che se c’è lei sono libera.
Il senso di leggerezza da rimettermi in tasca.

Ma poi espiro, ancora più forte, da tirarmi il volto giù.
I miei occhi sono color cemento e ho le guance vitree. Le mani in tasca vagano nel vuoto e non hanno a che appigliarsi, annaspano, si chiudono su loro stesse. Stare sotto di lei è mischiarsi e confondersi, per vedere se fra poco ci vorrà di meno a tornare chiari.

Annunci

Parole dal 2003 – parte IV

Persone che vanno, Persone che vengono,
e nessuno che passando si ferma a vedere
chi sei.

E’ incredibile come la gente riesca
a farti sentire inutile.
E non bisogna nemmeno provare a fermarle,
si otterrebbe poco o niente.
E’ strano come incontrare qualcuno
possa essere inutile.
Forse è vero che chi fa per sé
fa per tre, o forse è un’impressione.
E’ triste capire che chiedere aiuto
si rivela sempre inutile.

Parole dal 2003 – parte III

Tremo, tremo come una foglia
come l’ultima foglia di un albero
forte delle sue convinzioni
fragile nelle sue speranze.

Cado, cado come l’ultima foglia
come l’ultima foglia di un albero
priva delle sue convinzioni
persa nelle sue speranze.

Muoio, muoio come l’ultima foglia
come l’ultima foglia di un albero
vuota delle sue convinzioni
vincitrice nelle sue speranze.

Parole dal 2003 – parte II

Pagine piene di ricordi non vissuti
e di esperienze mai provate
memorie piene di informazioni inutili
inserite a forza da un professore
ai tempi della scuola.

Viaggi lontani,
in mondi mai esplorati,
esseri colorati, che si muovono goffamente
tutto con la schiena infossata nel mio letto.

Sarà che la pazienza ha un limite
ed io non lo trovo,
ma mi sento stranamente rilassata,
come un ramo coccolato
dalle sue stesse foglie.

Parole dal 2003 – parte I

Seduta su un masso su una montagna
ammiro il paesaggio che si presenta
davanti a me: una grande valle
luminosa, dove riecheggiano silenziosamente
i miei pensieri.
Il mio sguardo passa da un capo
all’altro di quello scenario meraviglioso.
Poi apro gli occhi e mi sdraio nel mio letto.

Ricomincio da tre

Non volevo. Sul serio.

Va sempre peggio.

Non volevo. Non avrei mai voluto.

Non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo
non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo non volevo.

Giuro.