Autoritratto umido

Con i piedi dentro una pozzanghera e le scarpe di tela.
Con la pioggia che cade in testa e la giacca di feltro.
Con il vento che spinge in faccia e nemmeno una coperta per gli occhi.

I capelli appiccicati in fronte tengono al riparo i pensieri.
Le labbra baciate dalle gocce, ma sono fredde e non riscaldano.
La pelle trema e fa vibrare dentro, l’anima e le ossa.

Immobile.

Una volta ho sognato di stare bene sempre. Di non vedere mai oltre il mio naso. Ho sognato di farmi bastare gli attimi e i secondi, senza voler mai puntare ai primi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...