Le mie parole nella bocca degli altri

Che noia cantare sempre

le canzoni degli altri

ricordarsele a memoria meglio

degli appuntamenti

ritrovarsi a mugugnare note

senza (ri)conoscerle e

ritrovarle fra gli echi delle scale

scendendole di corsa.

 

Allora stasera la musica

me la invento io

e spero che il vento porti lontano

tutte le mie parole

per infilarle nella bocca e

nella testa degli altri.

 

Tra parole straniere, sconosciute

o dette troppo in fretta

spuntano felici i trallallà

e i pappappero pappappà

tutto quello che non si sa

ma che si inventerà

con un nana nannannà

 

Allora stasera la musica

me la invento io

e spero che il vento porti lontano

tutte le mie parole

per infilarle nel cuore e

nei sogni degli altri.

 

E buonanotte ai sognatori

ai dispersori di tempo;

a quelli che credono di batterlo

e son sempre in ritardo;

a tutti gli incantatori,

a chi domina lo spazio;

a quelli che han capito tutto

e rimangono in silenzio.

 

Stasera però la musica

me la invento io

e mi tengo strette al petto

tutte le mie parole

per infilarmele nel cuore e

nella testa fino a domani mattina.