Quell’attimo in cui capisci che…

Oggi stavo per morire.

Stavo percorrendo in bici la strada da casa a casa dei miei: un tragitto di circa 7km con pista ciclabile solo in alcuni posti. Il bello è che certe volte finisce in punti completamente casuali e pericolosi. Ma non è stato questo il punto.

Il punto è stato quando stavo per fare l’ultima svolta per arrivare nel vialone che mi fa arrivare al paesino di destinazione. Da lì a casa poi ci vuol niente e la pista – più o meno – c’è.
Insomma stavo per girare: ero dal lato sbagliato delle strada, così approfittando del rosso per le auto mi sono infilata fra la fila in coda e….BAM!

In quel momento era scattato il verde, e dalla corsia opposta, quella dell’altro senso di marcia, è arrivata una macchina sparata.
Mi ha preso la ruota davanti, che ha fatto un giro di 180° su se stessa facendomi perdere il manubrio dalle mani, che si sono ritrovate appoggiate a terra. Tutto in un attimo.

Il ragazzo si è fermato, io in realtà non mi sono fatta niente (oh, niente eh! Non mi si sono nemmeno sbucciati i palmi: si vede che lavoro duro nell’orto) e la macchina nemmeno. Tutto liscio, lui si è sincerato che stessi bene, mi sono scusata, e via andare.

Ma il punto vero, quello per cui mi preme scriver(mi) questa cosa è la sensazione che ho provato in quell’attimo. In quel momento velocissimo ho capito un sacco di cose. Una sensazione che mi ha spiegato davvero tanto.

Solo che quale sia questa sensazione me lo tengo per me. Sono io che devo capirlo. E l’ho capito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...